H&M approda nel metaverso: Aperto il primo store virtuale

H&M approda nel metaverso: Aperto il primo store virtuale

Cari amici e care amiche, come sappiamo gennaio è il mese dei saldi, allora perché non fare un po’ di shopping nel metaverso? E’ proprio questa l’idea lanciata da H&M che vi ha aperto il suo primo negozio. Secondo Morgan Stanley, questo universo virtuale potrebbe generare un giro d’affari di 50 miliardi di dollari per i brand di lusso entro il 2030.

H&M e il primo virtual store

Tra le ultime aziende ad aver assaporato il gusto del virtuale è stata H&M, che vanta oltre 19 miliardi di euro di vendite in netto nel 2021 con una percentuale pari al +6%. Il brand ha fatto il suo ingresso metaverso con Ceek, che offre soluzioni digitali che collegano artisti e digital creator con i mondi virtuali. Nel suo primo virtual store, H&M ha in esposizione abiti digitali, acquistabili con Ceek Coin, manichini e registratori di cassa, creato appositamente per il brand in quel di Ceek City. Per entrare nel fantastico mondo di Ceek City, gli utenti dovranno versare un abbonamento e indossare un visore VR. Nel virtual store possono essere acquistati oggetti digitali e vestiti veri da ordinare per poi ritirarli nei negozi fisici, oppure fare una semplice passeggiata. Come dicevamo H&M non è l’unico brand ad investire nel metaverso. Nike ha reclutato Eric Redmon, che ha lanciato il progetto Nikeland, su Roblox. Adidas, invece, ha comprato un terreno nel metaverso di The Sandbox e sta sviluppando un nuovo progetto con il marchio Nft Bored Ape Yacht Club, e Inditex, che ha collaborato a una collezione con l’azienda sudcoreana Ader Error, acquistabile in formato virtuale tramite l’applicazione Zepeto.

E voi avete già acquistato nel metaverso?